RTB – Real Time Bidding

Cos’è il Real Time Bidding?

Il Real Time Bidding  (RTB) è un sistema innovativo, una piattaforma per l’acquisto di display Advertising (es. banner) molto mirate e di qualità, a  prezzi  molto competitivi.

Questo è possibile perché quotidianamente si registrano nei siti internet di tutto il mondo molti spazi invenduti, che vengono messi all’asta.

Gli inserzionisti possono partecipare e aggiudicarsi gli spazi a prezzi contenuti.

Cosa  si deve conoscere del RTB?

Abbiamo detto che Il Real Time Bidding è uno strumento che ci permette di acquistare spazi display di qualità a prezzi bassi. Per fare questo è necessario parlare di:

Real Time Planning è il piano strategico di cosa, da chi, quanto e a quanto acquistare ma soprattutto chi è il nostro target;

Real Time Planner è la nuova figura emergente nel panorama del web marketing. Come si può capire con il RTB sono cambiate le competenze richieste, non abbiamo più chi pianifica le campagne e chi organizza gestisce e amministra i dati. Il Real Time Planner dovrà necessariamente avere entrambe le competenze.

Un piccolo esempio, creatività differenti performano in modo differente in base anche agli orari e ai giorni, ai dispositivi utilizzati (pc, smatphone, tablet), alla località, al target. Conoscere questi dati permette di pianificare azioni specifiche sulla piattaforma di Real Time Bidding massimizzando il ROI (Return On Investment). Inoltre il Real Time Planner non si occupa di pianificazioni a lungo termine e non si occupa di fare trattative commerciali con gli editori. Si occupa di  “LEGGERE” i dati di analisi e di “AGGIRE” in tempo reale.

Il Real Time Bidding (RTB) è una piattaforma, che permette di acquistare campagne display (es: banner) molto mirate, potendo disporre di strumenti di targettizzazione del pubblico.

Targhetizzazione:

  • Socio-demografica
  • Geografica per Paese, regione, provincia o comune
  • Per importo massimo (stabilendo un importo massimo giornaliero)
  • Per categorie di siti web (es. sport) o i domini (es. gazzetta.it)
  • Per siti specifici su cui si vuole puntare (es. siti a tema salute e benessere)
  • Per parametri tecnici (browser, sistema operativo, lingua del browser, etc…)

Remunerazione:

  • La remunerazione di una campagna display può avvenire in base al numero di visualizzazioni (impression) ottenute, o alla quantità di visite (click) che il banner ha generato al sito, alla landing-page, al link dell’inserzionista.
  • Nel primo caso si parla di Costo Per Mille visualizzazioni (CPM); nel secondo di Costo Per ogni Click da parte degli utenti (CPC).

Il prezzo di queste impression è dinamico ed ogni singola impression è messa all’asta (bid). potremmo equiparare questo strumento a quelli usati in borsa per lo scambio di azioni con tempi di risposta in tempo reale (real time).

Alcuni esempi di RTB sono: Google Dispaly Network, DoubleClick Ad Exchange, Invite Media, Rubicon, AdForm.

Tiriamo le somme.

I Vantaggi:

  • campagne display a prezzi competitivi (molto inferiori a quelli stabiliti dagli editori per le campagne display tradizionali).
  • la qualità dei siti che mettono i loro spazi all’asta è molto alta (si tratta infatti degli stessi siti pianificati in modalità tradizionale)
  • copertura attuale è pari a circa l’80% della copertura raggiungibile in modalità tradizionale
  • possibilità di pianificare in tutto il mondo
  • possibilità di targettizzare in maniera precisa

I Limiti:

  • Nessuna garanzia di acquisto di posizioni premium (es. home page) ma garanzia di raggiungere la stessa audience con altre posizioni sul medesimo sito e/o mix di siti simili
  • Indisponibilità di formati speciali (video e rich media)
  • Pianificazione su singole testate più limitata rispetto alla pianificazione tradizionale

I formati:

  • 1. Dimensioni:
  • Banner:468 x 60 , Leaderboard: 728 x 90, Quadrato: 250 x 250,
  • Skyscraper: 120 x 600, – 160×600 – 300×250,
  • 2. I diplay devono essere in FLASH (.swf) secondo queste caratteristiche:
  • Peso del file: max 50 Kb
  • Durata massima 30 sec – no loop (al max al 30° secondo l’animazione si  deve fermare con un’immagine statica. Le animazioni possono includere un loop, ma devono terminare entro 30 secondi)
  • Frame rate: max 20 fps
  • Audio: no
  • No bordo bianco (nessun pixel del bordo può essere bianco. Inserire un  bordo colorato di almeno 1 pixel)
  • Nessuna chiamata a server esterni.
  • Inserire solo il Click Tag qui precisato (non inserire l’url della landing  page): on (release) { getURL(clickTAG, “_blank”); }
  • 3. Creatività:
  • Vietati contenuti illeciti
  • Vietati effetti visivi stroboscopici o lampeggianti che distraggono l’utente.

Fino ad oggi lavorare con i grandi editori necessita di grandi sforzi tecnologici e impiego di diverse persone , ma soprattutto elevati investimenti.

Grazie al Real Time Bidding si aprono nuove ed importanti possibilità per ottenere campagne sempre più mirate e performanti. Con il conseguente e ulteriore risparmio di soldi.

Esempio realistico.

Vogliamo proporre un offerta  last-minute molto vantaggiosa  su CUBA che scade tra 3 giorni, e c’è anche la possibilità di acquistarla direttamente in e-commerce.

Il cliente tipo è “uomo, dai 40 ai 65 anni, sposato, appassionato di viaggi e che ha già fatto ricerche nel settore viaggi. Sappiamo che usa il tablet solitamente dopo cena.

Creiamo, una o più creatività dedicate a quest’offerta.

Acquistiamo un numero di impressions adeguato affinché vengano visualizzate da questo target di pubblico (audience).

Ipotiziamo che non ci importera nulla di saper quale sarà l’editore.

Otteniamo un tasso di conversione all’acquisto massimo. Un ROI più che soddisfacente. Costi bassissimi.

Un piccolo consiglio.

Affidarsi ad una web agency  specializzata in RTB, come la Geco Pubblicità che vanta al suo interno Real Time Planner  molto esperti che per primi si sono cimentati con le varie piattaforme esistenti e le molteplici leve che lo strumento offre per raggiungere l’obiettivo di farsi vedere da chi poi “acquisterà” il servizio/prodotto che stiamo pubblicizzando.

Oggi la Geco pubblicità copre l’80 % dei siti italiani.

Visita il nostro sito  o vai direttamente alla sezione promozioni per scaricare l’offerta più adatta a te e al tuo settore. Attualmente sono disponibili i seguenti settori: Automotive, Salute e Benessere, Viaggi, Formazione, OUTLET, GDO, Tempo Libero.

by Fabrizio Palermino

13 pensieri riguardo “RTB – Real Time Bidding

  1. I don’teven know how I ended up here, but I thought this post was good.

    I do not know who you are buut definitely you
    aare goin to a famous blogger if you arre not already 😉 Cheers!

    my blog: blog

  2. Amazing blog! Do you have any helpful hints for aspiring
    writers? I’m hoping to start my own site soon but I’m
    a little lost on everything. Would you recommend starting with a free
    platform like WordPress or go for a paid option? There
    are so many choices out there that I’m completely
    confused .. Any ideas? Thanks a lot!

    my web-site; 123inkjets (kareldekar.com)

  3. Hello! I know this is kinda off topic nevertheless I’d figured I’d ask.
    Would you be interested in exchanging links or maybe guest writing a blog post or vice-versa?
    My blog addresses a lot of the same subjects as yours and I feel we could greatly benefit
    from each other. If you are interested feel free to send me an e-mail.

    I look forward to hearing from you! Awesome blog by
    the way!

  4. Hello Web Admin, I noticed that your On-Page SEO is is missing a few factors, for one you do not use all three H tags in your post, also I notice that you are not using bold or italics properly in your SEO optimization. On-Page SEO means more now than ever since the new Google update: Panda. No longer are backlinks and simply pinging or sending out a RSS feed the key to getting Google PageRank or Alexa Rankings, You now NEED On-Page SEO. So what is good On-Page SEO?First your keyword must appear in the title.Then it must appear in the URL.You have to optimize your keyword and make sure that it has a nice keyword density of 3-5% in your article with relevant LSI (Latent Semantic Indexing). Then you should spread all H1,H2,H3 tags in your article.Your Keyword should appear in your first paragraph and in the last sentence of the page. You should have relevant usage of Bold and italics of your keyword.There should be one internal link to a page on your blog and you should have one image with an alt tag that has your keyword….wait there’s even more Now what if i told you there was a simple WordPress plugin that does all the On-Page SEO, and automatically for you? That’s right AUTOMATICALLY, just watch this 4minute video for more information at. Seo Plugin

  5. I’m really enjoying the design and layout of your website. It’s a very easy on the eyes which makes it much more enjoyable for me to come here and visit more often. Did you hire out a designer to create your theme? Superb work!|

I commenti sono chiusi